Lorenzo & his humble friends

The fool doth think he is wise, but the wise man knows himself to be a fool

Cyclop

Do you remember the Black Office? We are now turning into a cinema. Gaetan and Romain set up a large screen and a stereo. Annique and Stephanie improved the concept and created the layout. Johanna helped with the selection of movies. And we now have a calendar of movie sessions that are somehow related to the bike.

Cyclop - 1Cyclop - 2

Do you have ideas on other films that can be included in the future? Write me an email at lorenzo.piccoli@unine.ch or get in touch on twitter @piccolimeister.

11 April

Important announcement: on 11 April 2018 I became a doctor in Political and Social Sciences (tutto vero). Erik and Monika took some pictures upon the occasion and then we all headed to the phenomenal Blu Bar in Fiesole to celebrate.

Lorenzo Piccoli - thesis.png

Adam Hansen

Cycling outfit is expensive and difficult to pick. Most cycling teams have horrible jerseys, packed with dodgy sponsors and eccric colours. I have Mapei jersey and shorts since I was a kid. It was a present from my uncle. At the time, I wanted to dress like the Russian Pavel Tonkov, the archi-enemy of Marco Pantani at the Giro d’Italia of 1997 and 1998. Indeed, the whole of Italy was cheering for the latter, but I was already a bit of a bastian contrario at the time.

Last year I decided it was time to get a new outfit. It took me one year to pick, but I eventually chose the Australian national team. This is my own tribute to Adam Hansen, the one cyclist in the circus that truly entertains his fans.

At the Giro d’Italia in Spring this year Adam Hansen will attempt to continue his unbroken run of Grand Tour finishes. The Aussie’s consecutive Grand Tour rides started at the 2011 Vuelta a España. Since then, he has participated and finished every Vuelta, Giro and Tour del France.

This is a unique challenge. Riding one Grand Tour takes plenty of strength; riding all three Grand Tours for seven consecutive years is a gigantic and somehow extremely lucky effort. Think of all things that can go wrong before and during the race, from crashing to being sick. Yet, Adam Hansen is now close to bringing his total to 20 – twice as many consecutive races as those of Marino Lejarreta, previous record’s holder from the 1980s.

Hansen is a spectacular rider who built up his own antics and style race after race. Seizing the moment to rejoice in the purity of the race he often provides an extra thrill for the fans.

 

 

Hansen likes to change things up in order to remain mentally fresh. He created several companies and he often works on matters relating to those in his hotel room in the evenings after Grand Tour stages. This is how he channels his energy in other ways and keeping his mind occupied while switching off from the race. Over the years he has started to manufacture his own carbon fibre shoes and to develop a software called “Logicycle” that he’s written for his Lotto-Soudal team to help their logistics. Marginal gains.

Plenty of riders are popular, but few earn the cult following of Adam Hansen.

 

 

Life is about the people you meet

Eclettico

Italian version first; English version below

Il giovane Fridtjof Nansen ebbe molteplici interessi sportivi, dedicandosi sia allo sci di fondo che al pattinaggio, ottenendo ottimi successi in entrambi gli sport; all’età di diciotto anni conquistò il record mondiale di pattinaggio sul miglio.

Come esploratore, Nansen è ricordato per il primo attraversamento sugli sci della Groenlandia (nel 1888-1889).

Dopo la prima guerra mondiale, Nansen divenne Alto Commissario della Società delle Nazioni, e fu impiegato in diverse iniziative, fra le quali l’organizzazione degli scambi di prigionieri di guerra e l’aiuto ai rifugiati sovietici; nel corso di questa operazione Nansen ideò il cosiddetto “Passaporto Nansen” per i rifugiati (1922). Il passaporto Nansen era rilasciato dalla Società delle Nazioni a profughi e rifugiati apolidi. In totale furono emessi circa 450.000 passaporti Nansen, che permisero a centinaia di migliaia di persone apolidi l’emigrazione in un paese diverso da quello di origine. Tra gli altri, l’armatore Aristotele Onassis, il pittore Marc Chagall, il fotografo Robert Capa, lo scrittore Vladimir Vladimirovich Nabokov e il compositore Igor’ Stravinskij ebbero un “passaporto Nansen”.

Nansen si occupò anche dell’assistenza alle popolazioni russe in piena carestia dopo otto anni di guerra interna ed esterna. Garantì protezione e sostegno agli esuli greci ed armeni, coinvolti dalle conseguenze di conflitti spinti da forti nazionalismi. Una situazione che, pur nel suo specifico contesto storico e geografico, dovrebbe oggi fungere da monito e da esempio.

***

Young Fridtjof Nansen dedicated himself to both cross-country skiing and skating. He obtained remarkable results in both sports; at the age of eighteen he won the world record for skating on the mile.

As an explorer, Nansen is remembered as the first person to cross Greenland side to side using cross-country skies (1888-1889).

After the First World War, Nansen became High Commissioner of the League of Nations, and was employed in various initiatives, including the relocation of prisoners of war and aid to Soviet refugees; in the course of this operation Nansen designed the so-called “Nansen Passport” for refugees (1922). The Nansen passport was issued by the League of Nations to stateless refugees and refugees. In total, about 450,000 Nansen passports have been issued over time. These passports allowed hundreds of thousands of stateless persons to emigrate to a country other than their place of origin. Notable beneficiaries of the Nansen passport are the shipowner Aristotle Onassis, the painter Marc Chagall, the photographer Robert Capa, the writer Vladimir Vladimirovich Nabokov and the composer Igor ‘Stravinsky.

As High Commissioner of the League of Nations, Nansen also assisted Russian populations affected by the famine that followed eight years of conflict and he also guaranteed protection to Greek and Armenian exiles escaping war. This story should serve as an example for today’s situation resulting from wars and famine in Africa.

Pugni in Provenza

1984, quinta tappa della Parigi-Nizza con partenza da Miramas e arrivo a La Seyne-sur-Mer. Leader di classifica è lo scozzese Robert Millar, di gran lunga il miglior ciclista britannico fino all’epoca d’oro di Sir Bradley Wiggins e Chris Froome. Oggi Millar si fa chiamare Philippa York e vive nel Dorset.

Torniamo in Francia. E’ una giornata all’apparenza interlocutoria; ma è un’epoca, questa, in cui i big si danno battaglia ogni giorno. Nella discesa del col d’Espigoulier, nel cuore della Provenza, Bernard Hinault attacca e porta in avanscoperta un gruppetto di una ventina di corridori. Bell’imboscata.

A 35 chilometri dall’arrivo, però, il gruppo in fuga si scontra con una protesta sindacale. Qualche decina di lavoratori protesta contro licenziamenti di massa. Strada bloccata, tutti fermi, manifestanti agitati, corridori disorientati, organizzatori spiazzati. La situazione degenera in spintoni e Hinault si fa strada a modo suo.

Arriva poi la polizia e la corsa riparte. I fuggitivi spingono a tutta e mantengono un piccolo margine. La tappa la vince Eddy Planckaert in volata davanti a Sean Kelly, che spodesta Millar in classifica e va a vincere la corsa.

Hinault vinse poi molte altre gare e mantenne i suoi modi di fare piuttosto sbrigativi anche quando si trovò poi a lavorare nelle Pubbliche Relazioni al Tour de France, spostando in maniera memorabile diversi intrusi dal podio.

Fearless Femme

I was 24 when I decided I wanted to do a Ph.D. on how secessionist regions treat immigrants. At the time I was a census coordinator for my municipality by day and a restless student writing my master’s thesis by night. I remember one excruciating session in the library, when I wrote an email message to this Scottish professor who had published some remarkable articles on the topic I was interested in.

Eve answered after a couple of days with a long message. She invited me to a conference in Edinburgh where I met many of people who would have gone on to become my colleagues and friends – Jean Thomas, Dejan, Daniel. Since that day, she become my passionate and rigorous mentor. After helping me to secure a scholarship from the University of Edinburgh, she encouraged me to make a move to the European University Institute. We then spent my first year working together, as she was a Jean Monnet fellow there and tirelessly read all my drafts. I owe her so much.

Eve quit the academia two years ago and now she goes on with the the project Fearless Femme to challenge sexism and reduce mental health stigma. Wish her the best of luck!

Post-election

I was looking for good articles to share with you after the Italian elections of March 4. Not much. In a blatant act of self-promotion, I would simply recommend a short read and an interview (minute 11:30) I’ve made on Radio France International together with Fabio and professor D’Alimonte. In addition, I would also suggest a deeper read by Old Tom on the politics of frustration.

Cose che leggo

Tre articoli in vista di domani: Piergiorgio sul voto di vendetta, Mattia Feltri sugli italiani, Christian Raimo sull’incapacità di elaborazione di cultura politica.

Tempo pessimo per votare

Tempo pessimo per votare, si lagnò il presidente di seggio della sezione elettorale quattordici dopo aver chiuso violentemente il parapioggia inzuppato ed essersi tolto un impermeabile che a ben poco gli era servito nell’affannato trotto di quaranta metri da dove aveva lasciato l’auto fino alla porta da cui, col cuore in gola, era appena entrato.

Vorrei condividere con voi le mie riflessioni sul voto di domenica 4 marzo per il rinnovo del Parlamento italiano. Lo faccio in continuità con gli appunti scritti nel 2012 per le primarie del Partito Democratico, nel 2013 per le politiche, nel 2014 per le Europee, nel 2015 per il referendum sulle trivelle e nel 2016 per il referendum costituzionale.

Premetto che ho seguito poco la campagna elettorale, sia perché non ne avevo il tempo (a differenza di altre volte), sia perché abito all’estero (e dunque mi giungono solo gli echi di dibattiti che, immagino, in Italia siano invece assordanti), sia perché all’alba dei trent’anni ho finalmente capito che la maggior parte dei comizi, dei talk show e delle interviste rilasciate da politici lasciano il tempo che trovano (meglio guardare ai programmi dei partiti e a quello che hanno combinato negli anni).

Premetto anche che la nuova legge elettorale è assurda. Io che ho una laurea in scienze politiche e che ho dedicato ore a studiarla non riesco ancora a capire come funziona.

Detto questo, voterò Partito Democratico per una ragione molto semplice: penso che negli ultimi cinque anni i suoi esponenti al Governo e in Parlamento abbiano fatto approvare numerose riforme di cui avevamo bisogno. Ve ne cito alcune: legge sulle unioni civili, legge per l’assistenza delle persone con disabilità grave prive del sostegno famigliare, bonus economico per i nuovi nati, abolizione dei co.co.pro, creazione dei PIR per investimenti finanziari dedicati alle imprese italiane, legge sul divorzio breve, legge sull’obbligatorietà dei vaccini, legge sul biotestamento, legge contro il caporalato, legge per aggiornare i livelli essenziali di assistenza del sistema sanitario pubblico, legge sulle unioni civili, legge per l’assunzione di oltre 100.000 professori precari nel sistema scolastico pubblico, legge per l’aumento delle risorse per il Piano Nazionale contro la violenza sulle donne fino a 30 milioni di euro.

Vi dirò. Anche a me è passato per la testa di votare contro il Partito Democratico e per tre ragioni almeno. Prima su tutte, la spocchia, l’antipatia e l’arroganza del suo segretario (lo dico da sempre, eh, mica da quando ha iniziato a perdere) e di alcuni personaggi abietti che popolano il partito e, ahinoi, il Parlamento. Sono stato tentato di non votare  Partito Democratico anche perché, a differenza del passato, non sono state organizzate le primarie (che figuraccia, Matteo Renzi: ti è andata bene che questa decisione sia passata sottobanco). Sono infine deluso dalla mancanza di forza nel portare fino in fondo la legislazione sullo Ius Soli e dalla decisione di approvare questa sgangherata legge elettorale. Sono sicuro che ci sono tante altre riforme che si sarebbero potute fare meglio. Così non è stato: pazienza. Al netto di tutto, se ripenso a come stavamo nel 2013, è mia opinione che il Partito Democratico abbia confermato di essere una forza politica in grado di farsi carico della responsabilità di governare un Paese grande e complesso.

Ho pensato a lungo se votare +Europa: nonostante abbia il nome di un multivitaminico da comprare in farmacia, questo partito ha un valido programma di governo e una leader valorosa. E tuttavia non sono convinto dai candidati della circoscrizione dove voto, reputando maggiormente credibili i notabili locali del Partito Democratico. Risiedessi altrove sarei felice di votare +Europa. Cambia relativamente poco, alla fine, dato che i due partiti fanno parte della stessa coalizione.

Vorrei invece spendere qualche parola sugli altri partiti che hanno delle realistiche speranze di andare al governo. Se volete ancora votare per Forza Italia dopo tutto quello che è successo negli oltre quindici anni in cui Berlusconi è stato il nostro primo ministro le possibilità sono due: o siete degli sciocchi oppure siete in malafede. In entrambi i casi credo sia inutile iniziare un dibattito con voi. Tutto sommato, invece, posso capire chi voterà Movimento 5 Stelle, Lega Nord, Fratelli d’Italia e altri partiti sulla base di un malcontento economico e sociale. L’Italia di oggi rimane un Paese svantaggiato rispetto ad altre realtà in Europa. C’è poco lavoro anche se poi, paradossalmente, chi ha un impiego è costretto a orari folli e con salari bassi. Le periferie sono spesso lasciate a se stesse. Gran parte del denaro pubblico viene sprecato in maniera balorda. E via dicendo. Ecco. Molti pensano che la causa di tutto questo sia l’attuale governo. Io, invece, credo che il Partito Democratico qualche colpa ce l’abbia, ma che moltissime responsabilità ricadono sul governo di Berlusconi che, come accennavo prima, dal 1994 al 2011 ha portato quello che era uno dei Paesi più benestanti d’Europa a un passo dalla bancarotta, cioè a un passo dal momento in cui i soldi che avete in banca non valgono più niente e tutti i nostri aeroporti, spiagge, musei e beni pubblici devono essere venduti a prezzi stracciati a governi stranieri. Voi adesso l’avete dimenticato, ma Lega Nord e Fratelli d’Italia sono stati parte di quel governo. Per dire: l’attuale legge sull’immigrazione, tema particolarmente caro a questi due partiti, l’hanno fatta proprio loro (la Bossi-Fini, che per inciso è un orrore). Credo, infine, che il Movimento 5 Stelle abbia dei meccanismi interni che sono alieni ai principi democratici e ritengo anche che gran parte dei candidati presentati in Parlamento siano persone prive della competenza e della preparazione necessaria per rappresentare un Paese che, come scrivevo sopra, è molto grande e complesso.

Non mi dilungo su Liberi e Uguali perché è un partito i cui rappresentati hanno seduto al governo per quattro anni e invece di lavorare costruttivamente alle riforme di cui sopra hanno avuto come unico obiettivo quello di sfiancare il segretario che loro stessi avevano democraticamente eletto. Gente come Grasso e d’Alema sono il corrispettivo politico di quella marmaglia che ogni tanto faccio l’errore di portare in montagna con me: invece di ringraziarmi per aver predisposto tutto e camminare tranquilli godendosi il paesaggio, passano ore e ore a lamentarsi della sete e delle pendenze scoscese.

Insomma, eccoci qui. Alla fine sono d’accordo con Paola Peduzzi: “il voto schizzinoso, svogliato, per dare un segnale (ma a chi?), col naso turato, sognando chissà quali alternative, non fa per me”. Voto convinto per la coalizione guidata dal Partito Democratico e lo faccio con gratitudine verso Paolo Gentiloni, Carlo Calenda, Benedetto Della Vedeva, Pier Carlo Padoan, Ivan Scalfarotto e Francesco Palermo (sono tutti uomini: mi spiace). Spero si vinca, ma so che sarà una mazzata colossale e da domenica sera si salvi chi può.