Atena e Icaro

by Lorenzo Piccoli


«Resta bambino» mi diceva il Mago Merlin «Vuoi la Luna per bere in essa come in una coppa d’oro; e così è molto probabile che tu divenga un grand’uomo… se saprai restare un bambino. Tutti i grandi del mondo sono stati dei bambini che volevano la Luna; correvano, s’arrampicavano, e talvolta riuscivano ad acchiappare una lucciola. Ma se si diventa grandi e ci si fa una mente da uomo, questa mente non potrà non vedere che la Luna è irraggiungibile… e così non si prende neppure la lucciola». Con 24 anni e un lavoro ogni tanto faccio fatica a ricordami della luna: per fortuna ci sono gli amici, quelli proprio veri sul serio, che non vedi da due anni (due anni! e quasi tre anni da quel sei gennaio 2009) e poi ci passi un giorno e mezzo, che poi sarebbero solo 36 ore in tutto, ma che tu in qualche modo fai diventare 36 da sveglio e 4 di sonno.

icaro

E allora a Faenza, la pioggia, il vento, lo sciopero e i treni tedeschi. Gli incontri improbabili in locali altrettanto improbabili a Forlì e gli studenti di una associazione che si chiama Koinè, ma il cui unico linguaggio è quello dell’evasione fiscale in scala massiccia: continuate pure a credere nelle generazioni future. E poi la pasta al Sangiovese, le abbazie restaurate e quei caffè letterari, che a Patrick fanno tanto ridere, ma di cui io mi sono subito innamorato, e mi sono innamorato anche delle sei badanti moldave al tavolo accanto al nostro, che c’avranno pure avuto 300 anni tutte assieme ma esprimevano un’umanità fortissima e pura. E infine quella cosa che hai fatto di tutto per evitare durante 24 anni e poi finisci per capitolare, ma poi almeno ci sono i pancakes canadesi che l’ultima volta erano stati proprio quelli di Wal-Mart, e tu avevi la barba e un occhio rosso. Le gioie discrete di un fine settimana di dicembre inoltrato, ancora senza neve ma con qualche lucciola.

nove100

* io e Marco abbiamo sempre apprezzato il gusto della criminalita-soft: all’epoca, le imprese migliori erano i furti dei rotoloni di carta igienica dai bagni del College. Ora ci siamo ridotti a fare foto scadenti laddove proprio non si potrebbe.