Diario di un viaggio in Olanda: day three

by Lorenzo Piccoli


1 gennaio 2012

10.15: sono su un treno che va all’Aja. Jasper mi ha convinto: lascio un decina di cadaveri a dormire nel basement mentre mi dirigo verso il Mare del Nord. Con me Jasper, Nicolas, Joe, Suzanne.

11.30: sono all’Aja. Cielo plumbeo, masse di ubriachi che si dirigono verso il mare. L’arrivo e’ sorprendente: le case si aprono improvvisamente sull’acqua, verso il grande freddo e i ghiacci perenni. Vorrei tornare a dormire.

11.45: siamo scesi nell’arena. Migliaia di persone (10.000?), musica, stand. Tutti indossano il cappellino rosso regalato dall’organizzazione. Dovrei spogliarmi ma fa troppo freddo.

11.55: mi sono tolto due volte la giacca, ma ho sempre dovuto rimetterla. Saranno una manciata di gradi sopra lo zero. Saltiamo e balliamo tentando di scaldarci. Nicolas e’ gia’ nudo, anche Jasper (che pero’ indossa un didl tedesco al posto del costume).

11.58: penso di essere pronto. Le mie mutande di Babbo Natale mi infondono il coraggio necessario.

11.59: corriamo in acqua, so che mi aspetta una sensazione atroce: non penso più a nulla. Probabilmente i kamikaze giapponesi  provavano qualcosa di simile sessant’anni fa.

12.15: sono ancora vivo. Buttarsi in acqua e’ stata una sensazione mortale; in compenso, l’uscita e’ praticamente al caldo. Siamo entrati per due volte. Attorno a me persone con la faccia sconvolta, ma felice. Ci rivestiamo faticosamente a andiamo a prendere una zuppa calda ai banchetti dell’organizzazione.

12.50: le gambe tremano ancora, ma sono sul treno verso Utrecht.

15.00: doccia calda.

16.15: usciamo a farci un giro. Andiamo in al Cafe Olivier, ricavato all’interno di una chiesa sconsacrata.

18.30: di nuovo a casa, questa sera cena italiana. Ci mettiamo al lavoro con Marco, Teddy, Patrick e Fabio. Menu: antipasti di piadina, salame e formaggio; amatriciana; degustazioni di affettati; piadina alla nutella con shot ti Bailey’s.

20.00: la cena procede bene, c’e’ chi mangia in cucina e chi, invece (i piu’) sono accampati in giardino attorno al fuoco.

22.00: iniziamo con un massive round di shot.

23.45: ormai tutti ballano in cucina. Luci stroboscopiche, piano bar, vetri appannati: c’e’ un po’ di tutto.

02:00: vado a dormire.

Advertisements