Lorenzo & his humble friends

The fool doth think he is wise, but the wise man knows himself to be a fool

UK Coast to Coast

Most of the people dream about doing a coast to coast in the US.

Tomorrow I’ll have my chance to experiment a different kind of Coast to Coast: the vertical mode UK crossing. The plan is simple. I leave from Edinburgh (near the northern shore of the UK, in fact it is pretty cold up there right now), where I’ll attend a conference at the University, to go all the way down to Brighton, English Channel, where I have to attend another conference at the University of Sussex. Then I’ll end up in London, just to give a proper goodbye to the British land.

I will fly on very low cost planes, I will sleep in shattered hostels, and I will travel on slow buses. It’s going to be a tough trip, but hopefully a grand one.

Time for Books / 3

Questo mese, per la prima volta, un post sui libri completamente in italiano. Non avrebbe avuto senso scrivere in inglese, visto che le miei letture sono state tutte nella madrelingua.

Per il mio progetto di ricerca ho incontrato a Bolzano Riccardo Dello Sbarba, consigliere provinciale e giornalista. Questo mese ho letto il suo libro, Südtirol Italia: Il calicanto di Magnago e altre storie, che si basa su una raccolta degli articoli scritti da Dello Sbarba tra il 1990 e il 2005. Il risultato é una prospettiva molto nitida su una regione controversa, proiettata in una dimensione abbastanza internazionale ma ancora molto attaccata a miti e tradizioni etniche. Il libro coglie questa situazione senza pesantezze storiche e sociologiche. Si legge velocemente e chiarisce diversi problemi senza la pretesa dell’accuratezza scientifica.

Entro fine maggio dovevo scrivere una riflessione sul battesimo per la rivista L’Invito. Mi sono documentato e sono tornato su alcune letture religiose. Se uno non rinasce dall’Alto, riflessioni sul battesimo di Dionigi Tettamanzi, non mi ha entusiasmato come in fondo speravo. Troppo rigido alle interpretazioni dottrinali, affatto semplice, non vi ho trovato grandi interrogativi e neppure risposte. Nella religione cattolica esiste questa cosa, che si chiama “il mistero della Fede”. Da un punto di vista teologico si tratta di un concetto estremamente complesso, ma ho sempre più la sensazione che nel concreto si traduca con un: “non posso spiegarti perché credere, fallo e basta”. Ecco, il libro era pressapoco tutto basato su questo concetto in quanto applicato al battesimo.

Sempre sulle meditazioni religiose, e anche un pochino sulla scia di Alzaie che lessi il mese scorso, mi sono avventurato su un breve libro di Erri de Luca, Una nuvola come tappeto, sulla sua interpretazione soggettiva di alcuni testi biblici. De Luca é un laico, credo ateo, appassionato della Bibbia, tanto da imparare la lingua ebraica per capirne il vero significato. Da questa lettura mi aspettavo moltissimo: forse per questo ne sono rimasto parzialmente deluso. Ne ho tratto, comunque, alcune citazioni.

Molto deludente un libro che ho comprato al Festival dell’Economia, Elogio del Moralismo di Stefano Rodotà. Lui é un intellettuale importantissimo che ammiro molto; il libro aveva tutte le premesse per essere una lettura di riferimento. Invece é solo un frullato di articoli e riflessioni su temi peraltro stranoti, senza nessuna aggiunta significativa. Questo é il classico libro che non dovrebbe essere un libro; ed é un peccato, visto la stima che ho dell’autore.

Fumetti, infine: una solita lettura veloce di Corto Maltese, questo mese Burlesca e no tra Zuydocoote e Bray-Dunes. E’ il terzo volumetto della trilogia delle celtiche, ambientato in Cornovaglia dove potrei passare qualche giornata a fine giugno. Solito Hugo Pratt, estremamente efficace. Questa comunque non é una lettura che consiglierei a un non-iniziato: troppo surreale e metaforica per poter esser compresa senza il giusto approccio.

A proposito di Corto Maltese: ho finito il volume fotografico I Luoghi dell’Avventura. Lo avevano comprato qui i miei. Il libro costa molto, ma é un capolavoro di riflessioni acute ed acquerelli pregiati. Presto metterò alcune citazioni.

Sempre un fumetto il bellissimo libro Lo Zen di Steve Jobs, che ho letto in poco più di un’ora. Costa molto per il tempo che ci si impiega a leggerlo, ma direi che ne vale la pena. M’era venuta voglia di leggerlo dopo aver letto la prima puntata su il Post. Adesso lo potete trovare tutto online, ma per i maniaci della Apple e dei fumetti (e io sono un pochino di entrambi) il libro resta un ottimo acquisto.

Festival Economia e altro

Un mio breve post su QuestoBlog sul Festival dell’Economia 2012.

L’unico modo per compensare il progressivo disincantamento dei trentini è quello di fare in modo che il Festival diventi sempre più aperto a persone provenienti dal resto d’Italia e d’Europa. E’ una sfida che gli organizzatori hanno ben chiara già da qualche anno.

Ne approfitto per mettere il link all’altro, interessantissimo, post su altre questioni del Festival, scritto da Luca e Corrado.

Ciò che sconcerta è il dato di fatto che emerge, e non è una novità: la polizia spesso non è un corpo neutrale, ma ha emozioni, riceve offese, e alle offese replica.

Infine, un link anche al post di Alberto, divertente, sull’inaugurazione della nuova struttura della Facoltà di Lettere.

Se avevate programmi per venerdì 22, vi conviene liberarvi perché in via Tommaso Gar è previsto uno degli appuntamenti più caldi di questo giugno trentino. E no, non stiamo parlando della pur interessantissima Rassegna del “pane regionale dell’arco alpino” che si terrà invece a palazzo Thun dalle 17 alle 24 (giusto il tempo di una lievitazione), bensì dell’attesissima inaugurazione della nuova facoltà di Lettere e Filosofia.