Lessico e nuvole

by Lorenzo Piccoli


L’ultima Bussola di Ilvo Diamanti – che ha da poco scritto la prefazione del libro di un mio amico di cui non voglio fare il nome – parla della degenerazione del rapporto tra linguaggio, politica e società. Leggendola ho pensato ad Anna, che penso particolarmente interessata a questi aspetti della comunicazione.

I politici della Prima Repubblica. Erano incomprensibili. Il linguaggio era fatto apposta per non essere compreso. Se non da loro. Al loro interno. Messaggi cifrati. Obliqui. Paralleli. I cittadini, d’altronde, non se ne occupavano troppo. I discorsi politici e dei politici: non li interessavano. Tuttavia, la società non era estranea al contesto politico. “Con-testo”, appunto. Un “testo” condiviso. Perché la politica è rappresentanza e rappresentazione. I “rappresentanti” riflettono la società e la società vi si riflette. Almeno in parte. E il linguaggio ne era lo specchio. Così, le persone parlavano in modo “educato”. In pubblico. Le parolacce non erano ammesse. Quando scappavano, il responsabile veniva guardato con un sorriso tirato, di riprovazione. Sui giornali e sui media, poi, guai. Quel “Cazzo!”, pronunciato sapientemente da Zavattini, nel 1976, fece rumore. Anzi, fragore. Mentre quando Benigni in tv, ospite della Carrà, recitò tutti i sinonimi della “passerottina” (dalla chitarrina alla vulva…), sollevò grandi risate, ma molto meno clamore. Era il 1991. Il muro di Berlino era caduto. E stava travolgendo anche il sistema politico italiano. Seppellendo, insieme alla Prima Repubblica, una civiltà formalista e un po’ ipocrita. Dove il distacco tra società e politica era riprodotto dall’impossibilità di comprendere quel che avveniva “in alto”. I politici non erano apprezzati né, tanto meno, stimati. Anche prima di Tangentopoli. Venivano considerati disonesti. Inattendibili. Disinteressati ai problemi della “gente comune”. Eppure non ci si faceva troppo caso. Tutti votavano sempre. Allo stesso modo.

Leggi tutto l’articolo su Repubblica.

Advertisements