Bere dal pozzo

by Lorenzo Piccoli


Vorrei condividere con voi il ricordo che Michal ha scritto per Giorgio Butterini. Mi piace: è un bell’omaggio, diretto e senza tanti salamelecchi.

Mi ricordo ancora il mio scetticismo quando la Bea voleva presentarmelo ormai più di due anni fa, pensando che fosse un’altro prete come tutti altri che avevo conosciuto in passato. Dopo qualche giorno mi sono arreso e sono andato a Terzolas a conoscerlo.

Sono contento e mi sento fortunato di l’aver fatto. Contento perché ho conosciuto una persona calda, amichevole, sorridente che sopratutto non mi voleva convincere di nulla. Voleva solo avere una bella chiacchierata, bere un bicchiere dell’acqua insieme che veniva dal loro pozzo (quanto orgoglioso era di questo pozzo!) e ascoltare la nostra storia. Ne sono quasi sicuro che poi l’abbia probabilmente dimenticata subito, visto la sua condizione già all’epoca. Ma quello non importa. Importa il fatto che colpiva con la sua dolce curiosità. Mi sento fortunato perché ho conosciuto anche una figura che ribaltava un po’ la mia idea della chiesa e ho cominciato a vedere delle piccole persone come lui di cui non si sente quando si parla della chiesa istituzionale.

E’ riuscito anche (forse senza saperlo neanche!) a creare un ambiente felice, divertente e leggero durante la cerimonia del nostro matrimonio. Gli sarò sempre grato che ci abbia fatto passare uno dei momenti più importanti per noi con allegria e in modo ‘spensierato’.