Libri di fotografia

by Lorenzo Piccoli


Ho già detto della nostalgia per Parigi, che era facilmente preventivabile. (Meno preventivabile quella per Neuchatel, ma per adesso non intendo scriverne). Vorrei però aggiungere una cosa importante: a Firenze, a differenza di Parigi, è difficile trovare libri di fotografia. C’è un abisso, sia in qualità che in quantità del prodotto offerto. E chissà, ora che ci penso, se qualcuno ha mai fatto una ricerca sulla densità di libri per abitante. Si potrebbero prendere diverse misure: quelle dei libri tenuti in casa, quelle dei libri venduti in librerie, e quelle dei libri venduti in librerie dell’usato e mercatini, oltre ovviamente a un indicatore aggregato e agli indicatori per categoria (libri di fotografia, libri gialli, libri di viaggio…). Quante belle cose si scoprirebbero da una ricerca del genere. Pur non dispondendo di dati empirici, posso comunque affermare con sicurezza che l’abbondanza libresca di mercati e mercatini parigini fa impallidire la timida ed affatto variegata offerta fiorentina.