Lorenzo & his humble friends

The fool doth think he is wise, but the wise man knows himself to be a fool

Category: travellin

Montalbano

Ecco un bel giro ciclistico di centotrenta chilometri di distanza e circa duemilacinquecento metri di dislivello fatto con Giallu attorno alla catena di Montalbano. Anticamente luogo di insediamenti etruschi; successivamente teatro della contesa tra Firenze (che sta a ovest), Pistoia (a est) e Lucca (ancora più a est); infine, riserva di caccia preferita dai Medici che vi fecero costruire svariate ville, e poi ricco terreno per la produzione del vino. Brevi incursioni su terreno sterrato, tanti ciclisti, vista splendida sulle pianure che circondano Firenze.

Chiesanuova-Cerbaia-Montelupo-Vitolini-San Baronto-Quarrata-Carmignano-Montelupo-Malmantile-Santa Maria a Marciola-Scandicci-Galluzzo.

Talamone

Tre foto di un fine settimana da incorniciare.

Tables and chairs

There is a reason why all of my recent posts were about Paris: from 1 April 2021, Arianna and I no longer live there. In this post I will tell you about our final 24 hours there.

On the late afternoon of Sunday, we ride to Saint-Denis. This is our last chance to visit Atelier Baptiste and Jaina, our two neighbours we got to know thanks to the pandemic. In Spring 2020 we looked out of our windows clapping, at 8pm sharp. This is when we started to wave at them, since they live right in front of us. Then, in June, once the lockdown was lifted, we met at Patakrep, in Place Petrucciani, during a warm early summer evening. It has been almost one year since they first invited us to visit their Atelier. Finally, we go.

The Atelier is an incredible place: located along the Canal de l’Ourcq, in front of the Stade de France, in the first banlieue north of Paris. The Atelier is part of an old abandoned factory, with four rows of low, red-brick houses, each occupied by a group of artists: sculptures, cartoonists, web-designers, painters, blacksmiths, etc. There are two large streets with small tables where scattered groups of people sit to drink a beer and smoke a cigarette at sunset. Baptiste and Jaina welcome us in the house they share with eight other artists. They work on the clay, and guide us through their latest creations. We leave the Atelier late in the evening.

Monday is our last day in Paris, and it is sunny. We finish painting the apartment and we leave outside our furniture: it is gone in less than thirty minutes. Same story for the food that we deposit in the Frigo Solidaire outside La Cantine du 18e: an initiative to learn from. We go to have lunch along the Canal Saint Martin, near Place de la Republique, with Marco and Estelle. In the afternoon we bid farewell to the owner of the house. She has been rather unpleasant with us for some time now, but shortly before leaving she opens up about her troubles. Each person travels with their baggage, and sometimes it can be very heavy to carry.

The house is pretty empty now. We dine on the small table, one of the last things left in the apartment, right next to the window. In front of us we see Baptise and Jaina, and wave at them one last time. When they close their window, Arianna notices a reflection. It looks like there is someone walking on the roof of our house. Isn’t that weird? Curious, we leave the apartment and walk all the way up the stairs. There is a small ladder that leads to a manhole. When we put the head out, we are mesmerised. We can walk on the roof.

Sunset in Paris, a view on the whole neighbourhood, Butte Montmartre bustling with little lights. Four people are having drinking beer and smoking on the roof. They welcome us there. (They are down-to-earth, funny, half-French, half-Russian, half-Swiss, half-Argentinian. Could have become fantastic friends, if only we’d met earlier). This is quite a shocker. I spent much of the last twelve months complaining about the lack of space and light in our apartment. I did not know that we had one hell of a terrace at our disposal. I could cry about it, or laugh. Arianna and I decided to take it as a final gift, our grand Parisian finale.

Itinerario fotografico a Parigi

Marais

Qui ci sono due piccole gallerie, una grande galleria, un grande museo e due negozi. Le piccole gallerie dove ci sono mostre di grande qualità sono la Polka Galerie e la Fondation Henri-Cartier Bresson. Sono poco lontane l’una dall’altra. Poco più a sud, scendendo verso la Senna, la Maison Européen de la Photographie ospita regolarmente grandi mostre. Nella stessa area, al Centre Pompidou è sempre possibile trovare due o tre mostre fotografiche. I negozi che mi sono segnato sono Images et Portraits all’interno del Marché des Enfants Rouges (per stampe e cimeli) e Comptoir de l’Image (per libri).

Montmartre

Qui c’è la sede di Magnum Photos , che è sempre possibile visitare e ha periodiche esibizioni. A Le Bal  c’è un’originale selezione di libri, e un bello spazio per leggerli.

Altri arrondissement

Vicino a Gare de l’Est c’è una libreria specializzata in fotografia: La Comete. Nella zona di Odeon, La Chambre Claire ha una selezioni di libri rari. La maggior parte delle mostre fotografiche che ho visto a Parigi le ho visite a Jeu de Paume, a Concorde. Infine, a Hotel de Ville capita talvolta di trovare una mostra di fotografia.

Librerie

Rimpiango non essere stato un cultore delle librerie ai tempi del mio erasmus a Dublino, in Irlanda e trovo strano che la straordinaria Library del Trinity College non abbia acceso la mia latente bibliofilia. Quest’ultima rimase nascosta anche durante il mio periodo di studio a Victoria, Canada, dove pure ci sono sicuramente librerie uniche al mondo. A Bruxelles confesso di non aver mai avuto una libreria indipendente e di aver sempre frequentato Filigranes, che credo sia una delle più grandi d’Europa.

La prima libreria indipendente che ricordo davvero con affetto è la Armchair Books di Edimburgo, dove capitai per caso quando stavo lì nel 2014. Poi a Firenze mi innamorai della Todo Modo e ancora oggi ci torno sempre appena posso. A Torino, dove vissi tra 2016 e 2017, ero un assiduo frequentatore della sobria ed elegante Luxembourg a due passi da Piazza Carignano. Quando torno in Trentino mi concedo spesso una deviazione a Rovereto per visitare l’Arcadia, anche se lo scorso anno Stefania mi ha fatto scoprire una nuova libreria nel quartiere di San Martino: la Due Punti. A Neuchâtel frequento il Centre Social Protestant, che non è proprio una libreria ma ha un’ampia selezione di volumi usati di cui faccio incetta. A Parigi ci sono due librerie vicine a casa nostra: l’Odeur du Book per libri usati ormai fuori commercio, con una bella selezione legata all’arte, al cinema, e alla filosofia; e l’Humeur Vagabonde, con fumetti e fotografia. Risalendo verso Lamarck c’è un posto polveroso per fumetti usati, Encre du Chine, dove si trova letteralmente di tutto. Ogni tanto mi piace sperperare soldi nelle varie sedi di Gibert Joseph – soprattutto in quella del Quartiere Latino, che però sta per chiudere.

Ci sono anche librerie viste quasi di sfuggita. Lo scorso anno sono finito in un posto bellissimo a Madrid, pieno di scaffali e legno, specializzato in volumi di montagna: la Desnivel, a due passi da Anton Martìn. Mi è spiaciuto non averci portato Arianna, che era appena ripartita. Altre librerie visitate di sfuggita e nelle quali spero un giorno di tornare sono l’ampa ed enorme Libreria di Palazzo Roberti a Bassano e l’elegantesca e variopinta Hoepli a Milano. Sempre a Milano, Dani mi ha portato una volta alla Libreria del Mare: mi sarei comprato tutte le carte nautiche, anche se non le so interpretare. Sui muri di casa, però, farebbero un figurone.

Going out

I came back to Trento one week before a new round of restrictions to mobility entered into force. During these days I went up the mountains: Bondone, Paganella, Folgaria, Lusia. It was my time to listen, speak, think.

In the introduction to the book of Walter Micheli, Passioni e sentieri, Franco de Battaglia writes that gasping and panting during the ascent, men and women of different ideas discover that they share a similar fatigue. I always had the suspicion that Walter liked mountain trails for this reason too, not only naturalistic, but also a little socialist (own translation from Italian).

Palpable

My first hike of November 2020, together with Jimmy and Luca. It could have been worse.

I would like to add to these photos another one that I did not record on my camera. In the picture there would be three middle-aged men sunbathing at the crossing between Rue Norvin and Rue du Mont-Cenis: this year, the area around the Sacre Coeur looks like a little village on top of a hill. So very different from any other time of the year, when the mass of tourists gives it a different look. A few youngsters drink wine at the window. Elderly joggers stroll in the street.

Dombresson

Slightly worried about the idea of my second parisian lockdown of this year, I went for one of my last bike rides of 2020. There is a road I took for the first time this summer: it goes up to Dombresson, where the view opens to a large valley, the Val de Ruz.

I rode up the same road again to explore the contrast with the new season. There was this moment when a passing car stirring up all the leaves on the road. They floated in the air as I rode by. I took a mental photograph.

I arrived in Dombresson just before sunset. Everyone was on standstill: a few other cyclists, pedestrians, people who drove up the fields with their cars and, of course, cows: everyone seemed to be enjoying the sunset. I took a bunch of actual photographs.

I rode down to Neuchatel in the dark. I will miss these empty, silent places.

Northwest, southwest

Quimper. Folk music in the street. Wearing a windstopper in August: how weird. Maelle. Twenty-nine. Julian. The wind. The sky: big, diverse, it reminds me of Ireland. Everything here reminds me of Ireland, really. Crepatao. La Torche. Charline and Pierre. The grey Sunday morning and the paddle competition: nothing like paddling on the lake of Neuchâtel. The sunny afternoon with the easy waves. The Cubist table of our house. In Waves, Algues vertes.

Biarritz. The picturesque roads. Côte des Basques. David. The big waves that I cannot ride: I can only crash on Arianna’s back. The halls. Milady beach. The swell: when at 10 in the morning you have to rush out of the ocean because otherwise you crash on the rocks; and when at 7 in the evening you can walk in the ocean because the water is retreating.

Pisciotta e dintorni

Dopo la mia tradizionale tonsillite estiva, riparto per la Campania. Nicco ha trovato all’ultimo minuto un’offerta vantaggiosa per una casa a Marina di Pisciotta nel cilento campano: è destino ch’io passi una buona parte di questa estate in compagnia del buon cibo mediterraneo e della faccia del governatore De Luca.

A Firenze ci accomodiamo sulla Swift di Giallu: quella stessa Swift che tre anni fa abbandonammo all’altezza di Pistoia per una foratura. Il mio unico capriccio fiorentino: una schiacciata con pecorino e finocchiona.

Arriviamo veloci a Battipaglia, la patria della mozzarella. Da lì, entriamo nel parco del Cilento. Belle sensazioni, guidare qui. All’imbrunire siamo a Marina di Pisciotta.

Ci mettiamo alcuni giorni a scoprire come sia chiama la padrona della casa dove stiamo: lo facciamo tramite un personaggio bizzarro che vuole venderci il terreno circostante e che ci racconta una storia sordida alla David Lynch nella quale compaiono una suora, un monsignore, tante canne di bambù e un bracciante immigrato. Ad ogni modo, la terrazza della casa, è talmente comoda che praticamente non ci muoviamo da lì per quattro giorni.

Dopo qualche giorno ci raggiunge Fabio, che ha instillato in noi l’amore per queste terre in tempi non sospetti.

Marina di Pisciotta è il tipo di paese in cui si potrebbe facilmente passare un mese a scrivere un libro. Si mangia bene, la vista è conciliante, non ci sono grandi distrazioni, ma potete fare lunghe nuotate. Se siete bravi, potreste anche contrattare un’uscita in barca con i pescatori del posto. Noi non ci siamo riusciti.

Qualche chilometro più in alto c’è Pisciotta, un accozzamento di case forse poco pratico ma romantico.

A chi viene da queste parti raccomando una visita (breve) a Velia sulle tracce di Zenone e Parmenide. A me è piaciuto anche visitare placidamente Camerota, abbarbicata in altura, con case decrepite e un silenzio surreale. Ci siamo goduti anche un pomeriggio ad Acciaroli, dove ho ritrovato Roberto. Per arrivarci abbiamo fatto la strada della morte: i cartelli dicono che è chiusa per frana, ma il buon senso locale la vuole perfettamente percorribile, a patto di moderare la velocità.

Ripartiamo per destinazioni diverse: Fabio tramite Roma torna a Colonia, Nicco ed io transitiamo per Firenze, lui poi va a Londra, io a Neuchâtel, e Giallu se va verso Trapani. Siamo ancora molto mobili ma, ahinoi, certo meno sportivi di quando ci siamo conosciuti.